<img src="http://b.scorecardresearch.com/p?c1=2&c2=15095852&cv=2.0&cj=1" />
 

ADNKRONOS

Gli Aristocratica feat Sabbione il primo aprile a Roma, nel segno dei Matia Bazar

 SPETTACOLO  di Antonella Nesi
 

 

 

La più nota cover band dei Matia Bazar in concerto con il vero tastierista del periodo elettronico della band. Si intitola "Aristocratica feat Sabbione" il concerto-evento che si tiene venerdì 1 aprile al Planet (ex Alpheus) di Roma. Un concerto 'magico' dove il gruppo romano degli Aristocratica capitanato da Mauro Matteucci e Roberta Petteruti, accreditato come la miglior cover band dei Matia Bazar, riprodurrà i 40 anni di storia del gruppo pop italiano, con un'ospite d'eccezione: Mauro Sabbione l'ex tastierista dei Matia Bazar che si aggiungerà in una serie di brani indimenticabili del periodo elettronico da lui vissuto 33 anni fa.

"Roberta, Mauro, Silvio, Claudio e Stefano -afferma Mauro Sabbione- sono ottimi musicisti italiani, collaboratori di molti altri artisti, preparati e capaci, hanno studiato minuziosamente gli arrangiamenti di 40 anni di storia dei Matia Bazar con grande passione. Per me sarà molto strano vivere sullo stesso stage i suoni, la narrativa e le energie che ho vissuto ormai 33 anni fa. Privilegio toccato a pochissimi musicisti in vita anche internazionali. La mia presenza non legittima certo la loro bravura, ma mentre suoneremo 'Palestina', 'Elettrochoc', 'Fantasia' vivrò sicuramente una grande emozione", aggiunge Sabbione attualmente in tour proprio con 'Tango', un concerto in cui ripropone i brani del mitico album dei Matia in versione pianosolo acustico, accompagnato da un video-montaggio dell'epoca che ripercorre l'epopea elettronica e postmoderna del gruppo con grande successo.

Ma venerdì sarà una serata davvero speciale anche per un altro motivo: "Proprio lo scorso anno -ricorda Sabbione- feci un clamoroso pesce d'aprile a tutti i fan scrivendo sulla bacheca che ci sarebbe stata una reunion dei Matia Bazar originali di Tango. Lo scherzo fu capito, ma molta amarezza venne a galla per la perduta occasione di risentire le canzoni nella magica formazione del 1983". La serata di venerdì a Roma ripagherà almeno in parte ad un anno di distanza l'attesa dei fan dei Matia Bazar. E questa volta non è un pesce d'aprile.