Matia Bazar

 
Il gruppo nasce nel 1975, anno della firma del contratto discografico con la Ariston.
La formazione originaria comprende Antonella Ruggiero, Giancarlo Golzi, Piero Cassano, Carlo Marrale e Aldo Stellita. Sempre nel '75 pubblicano il loro primo disco, il singolo Stasera che sera.
Nel 1976 è l a volta di un altro singolo, che contiene i due brani Per un'ora d'amore e Cavallo Bianco, cui segue il loro primo album Matia Bazar 1.
Nel 1977 i Matia Bazar partecipano al Festival di Sanremo con la canzone Ma Perché, seguita dal secondo album Gran Bazar. Nell'estate dello stesso anno è la volta di Solo tu, il loro primo successo internazionale.
Il '78 è l'anno della vittoria al Festival di Sanremo con E Dirsi Ciao. A cui fa seguito l'album L'Oro dei Matia Bazar. Oltre al pezzo sanremese la raccolta contiene Mister Mandarino e Solo Tu, i due singoli che con E Dirsi Ciao, diventano hit delle classifiche Top 10 italiane nei mesi successivi.
Nel 1979 il gruppo parte per il primo tour europeo e sudamericano e sono ospiti del Festival di Viña del Mar. Nello stesso periodo esce il loro quarto album, dal titolo Semplicità. L'anno successivo pubblicano il singolo C'è Tutto un Mondo Intorno, estratto dal quinto album Tournée e partecipano all'Eurofestival svoltosi a Gerusalemme.
Nel 1981 pubblicano l'album dal titolo Il Tempo del Sole, il cui singolo omonimo diviene la sigla del programma di RaiUno Domenica In.
Il 1982 è l'anno del primo cambio di formazione del gruppo: esce Piero Cassano, che viene sostituito da Mauro Sabbione, artefice della svolta elettronica. È anche l'anno dell'ottavo album, Berlino Parigi Londra, dal quale viene estratto il singolo Fantasia.
Nel 1983 è la volta del 33 giri Tango e della partecipazione al Festival di Sanremo con il successo Vacanze Romane. L'esperienza sanremese viene ripetuta anche l'anno successivo con la canzone Souvenir e la pubblicazione dell'album Aristocratica. Nello steso anno partecipano al Festival di Tokio e intraprendono una lunga tournée nel Paese del Sol Levante. Sul finire del 1984 avviene un nuovo cambio di formazione: lascia il gruppo Mauro Sabbione, che andrà successivamente nei Litfiba.
Il 1885 vede l'uscita dell'album Melancholia, nel quale è contenuto il brano Ti sento.
Nel 1986 i Matia Bazar cambiano casa discografica e pubblicano un nuovo lavoro, Melò, che contiene la canzone Noi. L'anno successivo segna l'ultima partecipazione della Ruggiero al gruppo e alla produzione di un album, Red Corner. Dal 33 viene estratto il singolo Stringimi. La cantante lascia la formazione l'anno successivo.
Dopo una pausa di riflessione durata alcuni anni, nel 1992 i Matia Bazar, cambiano nuovamente casa discografica e scelgono come voce solista Laura Valente. Sempre nello stesso anno esce l'album Anime pigre e il singolo Volo anch'io.
Nel 1993 partecipano al Festival di Sanremo con il brano Piccoli Giganti.
Nel 1994 prendono parte nuovamente alla kermesse sanremese con Dedicato a Te, pezzo classificatosi al quarto posto. Pubblicano successivamente il singolo Scuola di Serpenti.
Nel 1997 escono il nuovo album, Benvenuti a Sausalito e il nuovo singolo Quando non ci sei. Nel 1998 scompare a seguito di una lunga malattia il bassista del gruppo, Aldo Stellita, uno dei fondatori storici della formazione.
Il 1999 è l'anno della rifondazione del complesso. 
 
aggiornata marzo 2001
© COPYRIGHT 1997- 2001 RAI