ARISTOCRATICA ft. SABBIONE - EUROSHIMA  a.d. 2018                                     Return to home.   
              PRENOTA UN CONCERTO O CHIEDI INFORMAZIONI A maurosabbione@infinito.it   A GRANDE RICHIESTA DEI FANS VIA INTERNET IL RITORNO ALLE SONORITA' POSTMODERNE DELL'ERA ELETTRONICA ANNI 80.

ARISTOCRATICA feat. MAURO SABBIONE a.d. 2018                                                                                                                                                                                                                                                        

L’apertura delle porte stagne del rifugio Legend che ha resistito alla guerra termonucleare del 1983 su Euroshima è previsto per il 21 gennaio 2017, 34 anni dopo la preveggente uscita dell’opera TANGO dei Matia Bazar.          

Un’epica narrativa interrotta precocemente da inevitabili eventi e mutazioni genetiche degli storici protagonisti. Aldo Stellita, Antonella Ruggiero, Mauro Sabbione, Carlo Marrale e Giancarlo Golzi, avevano programmato    una epopea postmoderna assai più strutturata, nel magico periodo elettronico 1981/84.                                                                                                                                                                                                           

Narrativa precisa che nasceva nel rifiuto del naif e delle pailettes, nello studio delle metropoli europee, nelle scuole del Bauhaus, che ha consegnato all’umanità diversi capolavori musicali come Vacanze romane, Elettrochoc,    Bambini di poi, Palestina, Fantasia, Casa Mia, contro i quali si scatena già nella fase costituente la censura dei discografici, della stampa, delle tv, dei censori del mondo musicale miseramente collassato con la fine del        secolo XIX.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                        

Nostradamus, presente nella fase compositiva, aveva ispirato Stellita, autore di tutti i testi conosciuti ed anche di altri mai pubblicati, di concetti proibiti all’epoca, di oscure e tragiche premonizioni mediatiche e cibernetiche, di     guerre etniche e religiose. Il Video sono io, celebrava addirittura un oggetto demoniaco, il videotape, che non esisteva.                                                                                                                                                               

Attentati, strategie, tensioni, bombe, Parigi in fiamme, l’Europa in crisi, l’acronimo Euroshima possibile ma apocalittico titolo sostituito da Tango in fase di pubblicazione, era esaustivo del clima che si respirava nel 1981,           nel  triangolo Berlino Parigi Londra titolo del precedente album. Anche l’astrologo francese J. Guillame scappa nel Quebec, lasciando orfani i Bambini di poi. Il Tango eternato sulla cover, ballato solamente da Alpha e Omega   protagonisti della multivisione scritta dalla musa-contralto Cinzia Bauci, si la ‘Cinzia said’ di Elettrochoc, partiture, canzoni inedite, sequenze, testi, mai perduti, trovano ora nuova linfa vitale ed energia in   un progetto ambizioso   ed affascinante.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                 

Roberta Petteruti, Mauro Matteucci, Silvio Ricci, Claudio Cestari e Stefano Pallotti, stavano lavorando da anni sulla lunga storia musicale dei Matia, guadagnandosi l’accredito di cover band ufficiale chiamandosi                 kafkaniamente AristocraticA quando nell’incontro con Mauro Sabbione, vera memoria storica, musicista eclettico e custode di strumenti perduti per sempre, come l’Alpha Syntauri protagonista di Tango, i due universi            paralleli si sono fusi, hanno collimato prepotentemente.                                                                                                                                                                                                                                                         

E’ stato semplice riscoprire le macchine ossidate, togliere i teli polverosi, mettere in moto nuovamente il meccanismo sollecitato in date alpha di grande successo e ripartire verso l’infinito. Il mondo è cambiato, ma noi sapevamo  già in che modo sarebbe cambiato.                                                                                                                                                                                                                                                                                     

L’uscita a gennaio 2017 del video “Euroshima - I bambini di poi” del regista Luca Matteucci per la sceneggiatura di Sabbione è la metafora della rinascita della perduta narrativa: i ‘Bambini di poi’ siamo noi.                           

La riproposizione dei brani con i testi e le sequenze originali e censurate e soprattutto il Tango Tour live 1983 vero manifesto postmoderno dell’epoca, con le scenografie di Alessandro Mendini, dalla leggendaria scaletta e       multivisione, saranno solamente l’accelerazione verso nuovi mondi possibili, verso quell’utopico progetto multimediale chiamato Hotel Mister Kappa, manifesto musicale/teatrale postmoderno scritto d Cinzia Bauci, che non       vide mai la luce nell’1984 che avrebbe riempito certamente i festival d’avanguardia degli anni 80, dalla Biennale di Venezia a Polverigi, dal Museo del Castello di Rivoli al Moma di New York.                                                          

Mauro Sabbione.